Nonostante tutte le sue promesse, l’intelligenza artificiale non ha ancora reso le nostre economie drammaticamente più efficienti

Si dice che la tecnologia e l’intelligenza artificiale stanno creando una New Economy, dove algoritmi e robot fanno il lavoro per noi, aumentando la produttività come mai prima d’ora. Ma la realtà di questi giorni ci dimostra il contrario e la realtà sembra molto diversa.

Per decenni, negli Stati Uniti la produttività è cresciuta di circa il 3 percento all’anno. Dopo il 1970, ha rallentato all’1,5 percento all’anno, quindi all’1 percento. Oggi, questa cifra si attesta allo 0,5 percento ed è probabile che si riduca ulteriormente dallo shock della pandemia di coronavirus e il blocco di massa. Ma non sono solo numeri. C’è un parallelo tra l’evangelismo attorno all’intelligenza artificiale che vediamo ora e un fenomeno simile a di cui abbiamo assistito due decenni fa.

La bolla delle dot-com è stata anche alimentata da desiderosi investitori che hanno utilizzato nuove metriche per giustificare i prezzi delle azioni che sono diventati sempre più elevati. I profitti è stata la cosa più importante, gli investitori hanno contato i visitatori per le vendite, le spese sui siti Web di un’azienda. Gli investitori vogliono più vendite? Venderò qualcosa alla tua azienda e la tua azienda me la rivenderà. Nessun profitto per nessuno dei due, ma vendite più elevate per entrambi. Gli investitori vogliono più spese? Gli investitori vogliono più visitatori sul sito Web? Nessun profitto, ma più traffico.

Una misura del traffico sono il numero di persone che visitavano una pagina; un altro è il numero di persone che sono rimaste per almeno tre minuti. Ancora più importante il numero di file scaricati quando si visita una pagina web. Le aziende inseriscono una dozzina di immagini su una pagina e ogni immagine caricata dal server viene considerata un successo.

Ora abbiamo la bolla dell’intelligenza artificiale, con molti problemi su come i computer stanno conquistando il mondo. Il coronavirus si è solo aggiunto a quella retorica, e si vedono molti titoli sulla falsariga di: “Cinque modi in cui l’IA sta aiutando a combattere il coronavirus”.

“L’intelligenza artificiale” è stata la parola dell’anno dell’Associazione degli inserzionisti nazionali di marketing nel 2017. Per incassare le aziende stanno mettendo l’etichetta IA su algoritmi che non hanno niente a che vedere con l’intelligenza ma si pubblicizzano come maghi sul campo quando hanno appena iniziato il cammino con l’apprendimento automatico.

___
Vedi articolo completo su: https://www.ozy.com/the-new-and-the-next/is-artificial-intelligence-the-next-dot-com-bubble/287616/
Foto di Matan Segev da Pexels