Chatbot stanno aiutando le aziende a rispondere alle query Covid-19

“Le organizzazioni sanitarie non sono le uniche imprese a essere inondate durante la pandemia di coronavirus. In tutto il mondo, le aziende di quasi tutti i settori, in particolare banche, hotel e rivenditori, stanno lottando per trovare il modo di comunicare con i clienti mentre le loro sedi fisiche sono chiuse al pubblico. I call center vengono inondati di richieste e i tempi di attesa in alcune banche raggiungono almeno 10 ore.

I #chatbot potrebbero aiutare a colmare il divario. Sebbene ci sarà sempre la necessità di agenti del servizio clienti umani, anche quando vengono distribuiti chatbot con AI, l’epidemia di coronavirus sta dimostrando quanto possa essere preziosa questa tecnologia automatizzata per i marchi che lavorano in tempi di crisi. Già aziende di chatbot come LivePerson affermano di vedere aumenti significativi di volume sulle loro piattaforme. Man mano che la pandemia si allarga, è probabile che ancora più aziende inizieranno a integrare i chatbot nei loro sistemi di assistenza clienti.

Ecco sei soluzioni chatbot che le istituzioni e aziende possono iniziare a utilizzare immediatamente.

1) #LivePerson

LivePerson è noto per il suo software di commercio conversazionale. La piattaforma di LivePerson è basata sull’intelligenza artificiale, il che significa che i clienti possono avere conversazioni virtuali con un marchio senza alcuna reale interazione umana. Secondo le stime di LivePerson, il 70% delle richieste dei consumatori può essere automatizzato con la sua tecnologia. Queste conversazioni possono aver luogo su un gran numero di canali digitali, tra cui SMS, Facebook Messenger e WhatsApp. I marchi possono anche integrare il software di LivePerson nei propri siti Web e app mobili. La piattaforma conversazionale di LivePerson è utilizzata da oltre 18.000 marchi, tra cui Virgin Atlantic e IBM.

2) #Microsoft #Azure

Le grandi aziende e le organizzazioni sanitarie possono usare i servizi cognitivi di Microsoft Azure per creare bot di livello aziendale in grado di parlare, ascoltare e comprendere le persone. Durante la crisi di Covid-19, alcuni sistemi ospedalieri hanno già iniziato a utilizzare la tecnologia di Microsoft per rispondere automaticamente alle domande delle persone sui sintomi del coronavirus e sui pazienti di screening praticamente prima di invitarli a sottoporsi a valutazioni di persona. La piattaforma di Microsoft include SDK open source e consente alle aziende di mantenere il controllo dei propri dati, inclusi i robot che sviluppano.

3) Direttamente

Specializzato in “automazione intelligente”, utilizza direttamente la tecnologia per determinare automaticamente quali richieste dei clienti devono essere gestite dagli esperti in materia, in modo che le aziende possano offrire un servizio migliore su vasta scala. La società offre un’infrastruttura critica per far funzionare tutti gli agenti virtuali con cinque chiamate API alla sua piattaforma. Si integra direttamente in una serie di applicazioni di messaggistica, nonché agenti virtuali, piattaforme di machine learning e piattaforme CRM. Oltre alle sue funzionalità di conversazione, utilizza direttamente modelli di apprendimento automatico addestrati quotidianamente per identificare nuove opportunità di automazione, in modo che le aziende possano aumentare gradualmente il numero di problemi che i loro chatbot possono gestire. Funziona già con marchi come Airbnb, Samsung e Microsoft.

4) #Cobot-19

Cobot-19 è un chatbot sviluppato dalla piattaforma di automazione dell’assistenza clienti Verloop e dalla start-up sanitaria Portea Medical. È stato progettato per aiutare le persone ad accedere alle informazioni su Covid-19, basandosi sui dati raccolti dall’Organizzazione mondiale della sanità, dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie e dalla Johns Hopkins University. Funziona tramite WhatsApp. Quando gli utenti inviano messaggi al chatbot in WhatsApp, vengono accolti con un messaggio di benvenuto e viene chiesto di scegliere tra le opzioni disponibili a seconda delle informazioni di cui hanno bisogno. Altre organizzazioni potrebbero utilizzare questa stessa tecnologia per sviluppare chatbot simili, per questo scopo o altri in futuro.

5) #Grassetto360

Come altri in questo elenco, Bold360 combina chatbot AI avanzati con agenti live. I chatbot web dell’azienda utilizzano Natural Language Understanding, quindi è possibile avere conversazioni reali con i clienti di un marchio indipendentemente dalla sede. Quando i marchi sono sopraffatti dalle richieste del servizio clienti, come in tempi di crisi, Bold360 può aiutarli a elaborare più conversazioni e rispondere a più domande in un ambiente praticamente. Bold360 afferma che offre esperienze coerenti basate su AI in chat, e-mail, social e SMS.

6) #Quiq

Sebbene Quiq sia generalmente considerata una soluzione di messaggistica SMS aziendale, la società si è rapidamente adattata durante questo periodo di crisi e offre chatbot e soluzioni di lavoro da casa per tutti i tipi di attività. Con la soluzione di chatbot di messaggistica aziendale dell’azienda, i marchi possono progettare esperienze di conversazione in base alle domande poste in tempo reale dai propri clienti. La piattaforma gestisce il ciclo di vita delle conversazioni e passa il contesto e i metadati personalizzati tra ciascun essere umano e bot coinvolto in un’interazione. Le aziende possono configurare i chatbot per accogliere virtualmente i clienti, risolvere i problemi in tempo reale”

____
Leggi articolo completo su: https://gritdaily.com/these-chatbots-are-helping-brands-respond-to-covid-19-queries/
Foto di mohamed Hassan da Pixabay